close

News

In EvidenzaNewsSecondo me

Formazione a distanza, quali strumenti usare

Dopo la pandemia è scaturita impellente la necessità di erogare corsi e lezioni online a distanza. Il mondo della scuola è stato l’organo che in primis si è dovuta adeguare e in tutta emergenza ha dovuto far fronte alla didattica con strumenti digitali alla portata di tutti gli alunni.

Ma non solo la scuola… anche molti organi istituzionali hanno dovuto ripensare i propri metodi sulla formazione e sostituire la classica didattica in presenza con la formazione a distanza (FAD).

Anche il mondo militare, fatto di tantissime figure professionali e una particolare attenzione al mondo della sicurezza, è stato toccato da questo problema.

Per quanto riguarda la formazione sulla sicurezza del lavoro e la tutela ambientale, vorrei analizzare gli strumenti che oggi potremmo usare. Chiaramente tutti programmi e gestionali web presuppongono una buona rete internet, computer performanti, webcam e microfoni per poter interagire.

G Suite e Meet

La piattaforma di Google per l’e-learning, fatta di tanti strumenti tra cui Meet (per le videoconferenze), la Chat, il Calendario, Presentazioni, Documenti, Moduli e Fogli. Se sei un privato ed effettui una singola comunicazione 1 a 1 è gratuito. Non è gratuita per i piani aziendali che prevedono una diversificazione di prezzi in base alla mole delle persone che devono interagire e alla grandezza del business.

WeSchool

WeSchool è la piattaforma di flipped learning italiana: flipped learning significa che la lezione si studia a casa, mentre le tematiche vengono approfondite in classe, con discussioni tra professori e alunni, esercizi di approfondimento e altre attività solitamente ritenute “extracurriculari” che possono fornire un approccio e un punto di vista differente sulle tematiche affrontate. Essa è utilizzata ogni mese da milioni di utenti e studenti: è stata lanciata nel 2016 da Marco De Rossi è totalmente gratuita per la scuola, mette a disposizione degli utenti strumenti di apprendimento innovativi, che consentono al docente di fornire ai suoi studenti tutto il materiale necessario a fare scuola a casa. Si potranno caricare immagini, documenti di testo (e moduli testuali).

Cisco Webex

Un sistema prodotto dalla Cisco molto complesso che racchiude un insieme di prodotti multimediali per effettuare videoconferenze, videolezioni ecc… Webex chiaramente, non è gratuito ma a pagamento.

Zoom

Zoom è un prodotto a pagamento per videoconferenze aziendali con messaggistica e condivisione dei contenuti in tempo reale. Molto usato durante la prima fase della pandemia dagli istituti scolastici.

Moodle

Moodle e’ il piu’ conosciuto sistema elettronico di apprendimento del mondo. Bisogna avere però delle competenze da webmaster per installarlo perché alla fine bisognerà creare un vero e proprio sito online. Moodle negli anni si è aggiornato sempre più di nuovi contenuti ed oggi insieme al plugin “Big Blue Button”  con moodle è possibile effettuare in modalità webinar, videocorsi e videoconferenze. In più con il plugin H5P si possono creare quiz e test specifici e dinamici per misurare i progressi degli allievi. Tutto a distanza e nella massima sicurezza: insomma un sistema completo per l’apprendimento e la verifica delle competenze. Non a caso moodle è il sistema di apprendimento a distanza più usato dalla Marina militare che a causa della pandemia e del lavoro in modalità smart working ne ha dovuto implementare l’uso per la formazione a distanza del personale.

leggi tutto
InternetNews

Internet e i siti web

Internet è ormai diventato un mezzo di comunicazione di massa a 360° e col passare del tempo diventerà molto probabilmente quasi l’unico. Questo perchè è semplice ed accessibile, economico e funzionale. Lo scopo principale per cui si costruisce un sito internet è quello della promozione dell’immagine personale (riferita ad un singolo individuo) oppure dell’ immagine professionale (riferita ad una azienda o liberi professionisti).

(altro…)
leggi tutto
In EvidenzaNewsSecondo me

4 Novembre festa delle Forze Armate

Oggi festeggiamo la festa delle Forze Armate e la Festa dell’Unità Nazionale.  Ma perchè proprio oggi e cosa significa questa ricorrenza? Di fatto oggi si vogliono ricordare i 100 anni della fine della Prima Guerra Mondiale (4 Novembre 1918): tutti gli Italiani si uniscono in ricordo di tutti i caduti della Grande Guerra ma anche per ricordare il servizio che tutti i militari (altro…)

leggi tutto
Abruzzo peopleIn EvidenzaNewsSecondo me

Sagra dell’ uva 2018 a Città Sant’ Angelo

Domenica 16 settembre 2018 dalle ore 16:00 siete tutti invitati alla 35^ edizione della Sagra dell’ Uva nel centro storico di Città Sant’Angelo (Pescara). La caratteristica sfilata dei carri allegorici realizzati dalle aziende vinicole locali, vedrà anche la presenza del carro della nostra contrada di marina. Lungo il corso, degustazioni d’uva, vino, prodotti tipici abruzzesi e attrazioni itineranti con i gruppi folcloristici, bancarelle e stand gastronomici. Il corteo sarà aperto dal carro trainato dai buoi, che trasporta Bacco, dio del vino, accompagnato dalla bella Arianna.

E quest’anno il dio Bacco, pensate un pò,  verrà rappresentato da me. La cosa è nata quasi per gioco, proprio davanti ad una tavola piena di amici, bicchieri di vino ed arrosticini. Il caro Ivan Cocco e Dino Santuccione hanno proposto la mia candidatura ed onestamente un pò per gioco ed un pò per follia, non ho saputo dire di no. In più sono stato aiutato dalla presenza a mio fianco della bella Arianna, che quest’anno sarà rappresentata da Miss Adriatico 2017, la concittadina angolana Gaia Ciferni.

La sagra dell’uva si inserisce all’interno di un programma ricco di eventi dedicato alla Festa patronale e del perdono di San Michele Arcangelo con inizio venerdì 14 settembre e si concluderanno lunedì 17 settembre. Ecco il programma completo:

programma_festa_san_michele_arcangelo_citta_sant_angelo

Mi raccomando, non mancate!!! Divertimento assicurato!!

leggi tutto
In EvidenzaNewsSecondo me

Hai mai provato lo squash?

Hai mai provato Hurrà?? Così recitava un tempo una pubblicità anni 80, in cui un omino non aveva mai provato il famoso biscotto della Saiwa… E voi avete mai provato lo squash?? Se non lo avete mai fatto, questo è il momento giusto.  C’è da dire che lo squash è uno sport molto impegnativo. (altro…)

leggi tutto
In EvidenzaNewsSecondo me

Dall’ alta finanza alla Romagna un aiuto concreto per i bambini sordi

Accade qui in Romagna che avvenga un fortuito imprevedibile incontro tra due mondi apparentemente distanti anni luce: ad un estremo Alex Fodde Brillante 26enne in carriera nell’esclusivo sfavillante mondo dell’alta finanza internazionale, all’altro alcune decine di famiglie romagnole organizzate dell’Associazione onlus L’Orecchio Magico, alle prese con la dura sfida quotidiana di crescere figli con sordità profonda. Per una fortunata coincidenza le due realtà entrano in contatto proprio in questi giorni quando la piccola ma molto attiva associazione celebra il decennale della propria attività.

Ma partiamo dall’inizio: Alex Fodde vive a Montecarlo, è cresciuto in Svizzera e ha sangue italiano nelle vene (padre svizzero di origini sarde, madre spagnola con radici liguri). Fodde fa il trader. Sì, di quelli che girano in Ferrari e in elicottero, di quelli che hanno ville in Costa smeralda e girano il mondo, di quelli che maneggiano tanti, tanti soldi. Ha fondato il GodHand Hedge Fund, con dipendenti che operano su tutti i mercati e clienti navigati che si fidano del suo intuito, nonostante l’età. «Lavoro dalle 8.30 del mattino alle 3 di notte: la sera studio, mi informo. Sono curioso di tutto».
Carriera fulminante dopo studi superiori in Svizzera, master ed esperienza in America, Fodde è un giovane milionario, ma di una specie diversa rispetto a quella del patinato  eccessivo mondo del Jet set internazionale. Indefesso lavoratore, appassionato di arti marziali, religioso «ma non nel senso tradizionale del termine», Fodde dimostra più dei suoi 27 anni, viene da una famiglia benestante, ma si è sempre rimboccato le maniche. Ed il successo delle sue attività parla per lui. Da un paio di anni ha deciso di attuare ciò che per lui costituisce un principio etico interiorizzato in famiglia. Afferma: “bisogna sempre restituire una parte di ciò che la vita ci dà, bisogna dare il buon esempio se si vive in una condizione privilegiata. Si chiama responsabilità, una parola che sento pronunciare poco dai miei amici italiani» Così agisce con la determinazione che gli è consueta nel lavoro: in pochi mesi parte con alcune donazioni a beneficio di varie organizzazioni ed associazioni del territorio nazionale, inizialmente selezionate personalmente tramite la lettura dei giornali; poi aggiusta il tiro e, a settembre dello scorso anno, attiva il programma “Un anno di solidarietà”: 150.000 Euro distribuiti nell’arco di dodici mesi ad enti, Associazioni, ed organizzazioni che dopo un’attenta selezione, dimostrano di essere effettivamente capaci di concretizzare con continuità iniziative a beneficio della collettività ed in particolare dei bambini.

Alex Fodde
Alex Fodde

Ed arriviamo a Ravenna, dove le volenterose famiglie de L’Orecchio Magico, Associazione onlus che si batte con determinazione da dieci anni per aiutare i bambini nati con sordità profonda nel percorso di protesizzazione, riabilitazione ed inserimento in condizioni di pari opportunità con i loro coetanei normoudenti, entrano in contatto tramite un fortunato passaparola con il filantropo Alex Fodde, proprio in occasione della celebrazione del decennale dell’Associazione. “I bambini Imparano a parlare grazie all’udito, se questo non funziona il linguaggio non parte. E indispensabile intervenire nei primissimi mesi di vita con protesi acustiche impianto cocleare ed una intensiva riabilitazione logopedica per aiutarli a conquistare il dono della parola.” dice Fabrizio DONATO, presidente dell’Associazione e padre di Matilde, una splendida quattordicenne nata con una sordità profonda bilaterale di origine genetica.  “Da dieci anni dedichiamo il nostro impegno quotidiano per far rete tra noi, supportiamo le famiglie nel superamento del trauma della scoperta di un figlio sordo e coinvolgiamo gli operatori della sanità, della scuola e dell’inclusione sociale, con varie iniziative di aggiornamento formativo sulla sordità. Alcune nostre iniziative organizzate con periodicità sul territorio Romagnolo con l’intervento di professionisti ed esperti da ogni parte d’Italia, hanno costi rilevanti. Ecco perché la generosa donazione di Alex Fodde ci permetterà di tirare fuori dal cassetto alcuni progetti fermi da tempo per mancanza di risorse. In particolare: L’organizzazione di un ulteriore corso sulla didattica inclusiva nelle scuole per gli insegnanti delle scuole medie e superiori, la progettazione di percorsi di sostegno personalizzati per due dei nostri ragazzi che, oltre alla sordità, sono stati colpiti da un danno cerebrale importante e da una grave problematica di malformazione cardiaca.”  Donato aggiunge: “Continueremo con gli incontri periodici per stimolare la socializzazione dei nostri bambini e ragazzi sordi ed il mutuo aiuto tra le famiglie, e daremo continuità al percorso di sostegno psicologico informativo alle giovani famiglie per superare il primo doloroso trauma della scoperta di un piccolo nato sordo.”

In occasione del Gran Galà, un evento organizzato di recente al Teatro Alighieri di Ravenna per celebrare il decennale e divulgare al pubblico della Città le attività Associative, i fondi donati sono stati condivisi anche con l’Associazione Lucè, attiva da anni per migliorare la vita dei malati terminali di cancro. Così il programma filantropico di Alex Fodde, “ un anno per la vita” ha trovato in Romagna una condivisione virtuosa emblematica di un territorio da sempre molto ricco di solidarietà diffusa, vero fiore all’occhiello che rende il nostro territorio aperto ed accogliente.-

Per info e donazioni: ravenna@fiaddaemiliaromagna.it  –  www.fiaddaemiliaromagna.org

leggi tutto
Abruzzo peopleIn EvidenzaNewsSecondo me

Problemi idrici a Città S.Angelo (Pescara), il Sindaco Florindi risponde

Piove poco in questo periodo e l’acqua, il bene più prezioso, comincia a scarseggiare. In più si ci mettono rotture e sprechi irrazionali che portano l’ACA, gestore dell’acquedotto pescarese, a intraprendere la sospensione dell’erogazione idrica presso alcune zone del territorio di Città Sant’Angelo (Pescara). Gli ultimi comunicati dell’ACA  [clicca qui] ci riportano con i piedi per terra e ci fanno capire che l’acqua non è un bene infinito di cui possiamo servircene come e quando ci pare: l’acqua non va sprecata, è un bene di tutti e va usato con accuratezza e responsabilità.

Riguardo questo problema a Città Sant’Angelo, ho fatto alcune domande al Sindaco Gabriele Florindi, e lui come al solito, ha risposto prontamente.

D: Buongiorno Sindaco Florindi, quali sono i principali problemi riguardo alle interruzioni della distribuzione dell’acqua nel nostro territorio?

R: Sono principalmente due:

  1. razionalizzazione o turnazione a causa di uso improprio della risorsa acqua (innaffiano giardini o peggio orti in campagna);
  2. rotture continue per linee vetuste, con grandi perdite di acqua.

D: Fino adesso quante rotture e quanti interventi si sono effettuati?

R: Solo nel nostro territorio quasi tutti i giorni, a volte accadono rotture in zone isolate e vengono scoperte solo quando le stesse svuotano i serbatoi di accumulo. A volte accade che ACA (ente gestore acquedotto) interviene anche in ritardo sul nostro territorio per far fronte ad altre rotture negli altri territori che non sono immuni a questo problema.

rotture_idriche_citta_sant_angelo
Ripristino rotture idriche a Città Sant’ Angelo (Pescara)

D: La siccità di questi ultimi tempi complica la situazione. Lei pensa che Aca riuscirà sempre a ripristinare i nostri disagi?

R: Il problema lo subiremo sempre di più nei prossimi anni, occorrono grandi investimenti per fare nuove linee. Il problema è che non sono solo vecchie le linee nei nostri comuni, ma anche le adduttrici principali. In alcuni casi addirittura vi sono tubazioni in eternit. A Città Sant’Angelo le abbiamo tolte definitivamente nei primi anni 90, non so se in altri comuni ve ne siano ancora.

D: La speciale conformazione del nostro territorio, tra collina e pianura, determina zone con più o meno problemi idrici. Quali sono le zone che stanno soffrendo di più e cosa si può fare per limitare questo disagio?

R: A volte vi possono essere problemi anche per il cattivo funzionamento di sistemi di pompaggio specie in alcune zone collinari. Nella stagione estiva vi è solo un aumento del consumo di acqua. Non solo per uso improprio ma anche perché litri in più vengono dirottate nelle zone turistiche (Silvi – Montesilvano, ecc.) dove la popolazione aumenta in maniera esponenziale.
Comunque il “bene prezioso acqua” deve essere tutelato da TUTTI, con uso giusto e con investimenti per nuove linee.

D: Dove si vede Gabriele Florindi alla fine del suo secondo mandato come Sindaco? Qualcuno dice tra i banchi della Regione. Lei cosa vede nel suo futuro?

R: Dipenderà solo da coloro che mi hanno sempre voluto dare fiducia cioè i cittadini. Penso che sia alla mia portata la Regione. Ci tenterò.

Ed io gli faccio un grosso in bocca al lupo!! Ancora grazie per la disponibilità.

leggi tutto
1 2 3 6
Page 1 of 6